Statuto

Articolo 1

DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA

Nel rispetto delle norme della Costituzione italiana, della Legge n.383 del 7 dicembre 2000, del Codice Civile e della normativa in materia è costituita un'associazione culturale di promozione sociale denominata

"PHOENIX".

L'associazione ha sede legale in Roma e ha la facoltà di istituire sezioni distaccate e sedi secondarie in Italia e all'estero, previa apposita delibera del Consiglio Direttivo, che nomina il referente responsabile e ne determina i compiti e le responsabilità.

Si intende come sezione distaccata una parte totalmente integrante e dipendente dell'associazione, cioè senza autonomia giuridica e patrimoniale, ma dotata di mera autonomia amministrativa.

La sede secondaria sarà invece una struttura dotata di ampia autonomia organizzativa e patrimoniale, in grado di dotarsi di un'assemblea e di eleggere autonomamente i propri organi esecutivi, con la conseguente responsabilità del proprio rappresentante designato.

Il trasferimento della sede può aver luogo su deliberazione del Consiglio Direttivo dell'Associazione da sottoporre all'approvazione dell'Assemblea.

Il trasferimento della sede sociale non comporta modifica statutaria.

La durata dell'Associazione è illimitata.

L'Associazione potrà adottare le procedure previste dalla normativa per l'ottenimento della personalità giuridica e il riconoscimento dell'ente morale.

Articolo 2

ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Sono organi dell'associazione:

- Assemblea Generale: composta dai soci fondatori, ordinari, sostenitori.

- Consiglio Direttivo: promuove l'attività dell'Associazione e ne attua i programmi.

- Presidente: ha la rappresentanza legale dell'Associazione e la firma sociale.

- I Vicepresidenti: in caso di assenza sostituiscono in tutto e per tutto il Presidente ed hanno firma disgiunta.

- Segretario-Tesoriere: custodisce l'archivio, detiene l'amministrazione e svolge funzione di Segretario generale.

- Comitato Scientifico: decide le linee programmatiche e sovrintende le attività svolte dall'associazione.

- Revisori dei Conti: verificano periodicamente la correttezza delle scritture contabili e la coerenza della cassa.

Le cariche degli organi dell'associazione sono elettive e gratuite. È ammesso il solo rimborso delle spese sostenute connesse all'esercizio della propria funzione e autorizzate. Ogni attività di collaborazione lavorativa sarà regolata dalle disposizioni normative sul lavoro e sulle attività di collaborazione.

Articolo 3

PRINCIPI ASSOCIATIVI

L'associazione non ha fini di lucro, l'Associazione collega il proprio impegno all'esaltazione dei valori della persona, della civiltà, della cultura, della solidarietà e della promozione sociale.

Scopo dell'Associazione è la promozione economica, industriale, politica, sociale, la diffusione della cultura, l'integrazione tra i popoli, la difesa dei diritti, dei cittadini deboli e dell'ambiente.

Le finalità che si propone sono in particolare: 

- promuovere ed organizzare corsi di formazione e di aggiornamento per gli operatori del settore agricolo, industriale, commerciale e terziario;

- promuovere, progettare e realizzare attività di formazione, edizione, informazione, produzione, studio, studio interdisciplinare, ricerca e quant'altro necessario a diffondere la cultura e l'informazione nei seguenti temi: editoria, giornalismo, comunicazione e marketing, grafica editoriale, media audiovisivi, nuovi media audiovisivi, nuovi media digitali, multimedialità, information architecture, ip-tv, web-tv;

- creare, realizzare e sovrintendere progetti propri e/o altrui;

- promuovere e realizzare attività di comunicazioni e culturali attraverso:

   - la pubblicazione e diffusione di libri, riviste, quotidiani e materiale multimediale

   - l'organizzazione di convegni e dibattiti;

   - la gestione dello sviluppo delle informazioni e della cultura;

   - la realizzazione e lo sviluppo di spettacoli e di attività ricreative, cinematografiche e radiotelevisive; 

- promuovere e salvaguardare e difendere i diritti dei consumatori e dell'ambiente;

- promuovere le condizioni affinché si favorisca l'esistenza di una rete sociale, finalizzata al miglioramento della qualità della vita;

- operare interventi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria del disagio sociale, sostenendo la persona e la collettività nelle diverse fasi del ciclo vitale;

- attuare i principi della pace, del pluralismo delle culture e della solidarietà fra i popoli;

- sviluppo della personalità umana in tutte le sue espressioni e rimozione degli ostacoli che impediscono l'attuazione dei principi di libertà, di uguaglianza, di pari dignità sociale e di pari opportunità, favorendo l'esercizio del diritto alla salute, alla tutela psicologica e sociale, all'istruzione, alla cultura, alla formazione nonché alla valorizzazione delle attitudini e delle capacità professionali;

- tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, ambientale e naturale nonché delle tradizioni locali;

- ricerca e promozione culturale;

- diffusione della pratica sportiva tesa al miglioramento degli stili di vita, della condizione fisica e psichica nonché delle relazioni sociali;

- sviluppo del turismo sociale e alla promozione turistica;
- conseguimento di altri scopi di promozione sociale;

- aggregare i cittadini sui problemi della vita civile, sociale e culturale;

- contribuire all'affermazione dei principi della solidarietà popolare nei progetti di sviluppo civile e sociale della collettività;
- favorire lo sviluppo della collettività attraverso la partecipazione dei suoi soci;

- collaborare, anche attraverso l'esperienza gestionale, alla crescita culturale dei singoli e della collettività;

- collaborare con enti pubblici e privati e con Associazioni di promozione sociale e di volontariato per il perseguimento dei fini e degli obbiettivi previsti dal presente Statuto.

Al fine della promozione e della realizzazione degli scopi e dell'oggetto sociale, alla Associazione viene riconosciuta:

a) la rappresentanza nei confronti delle autorità statali, regionali, provinciali e comunali, di Istituti bancari e di ogni altro Ente pubblico o provato onde ottenere finanziamenti, contributi, concessioni, autorizzazioni nonché tutti i benefici previsti da leggi, provvedimenti dello Stato, delle regioni, delle province, dei comuni, delle camere di commercio, di ogni altro ente pubblico e/o privato nazionale, internazionale e sovranazionale;

b) La stipulazione di tutti i contratti utili e necessari alla realizzazione delle opere previste dai progetti, comprese le convenzioni con enti pubblici e privati;

c) La partecipazione e/o creazione di consorzi europei (GEIE) per la progettazione, gestione e realizzazione di progetti atti alla promozione di iniziative specifiche e di territorio.

L'associazione, inoltre, potrà ricevere contributi e convenzioni di qualsiasi natura da enti locali, nazionali ed internazionali, offrendo la propria assistenza e consulenza. 

L'associazione ha carattere democratico e di utilità sociale.

L'associazione svolge o promuove iniziative, sul piano culturale e politico, rivolte a radicare nella coscienza degli individui i valori della persona e della democrazia politica, i principi di un equilibrato sviluppo economico e sociale e a favorire le condizioni per la loro attuazione.

L'associazione svolge o promuove attività di ricerca scientifica nel campo giuridico, storico, sociologico, politologico, economico, della cooperazione internazionale e dell'integrazione europea.

L'associazione promuove e sostiene studi, ricerche, corsi di formazione, analisi ed ogni altra iniziativa necessaria e connessa ai propri compiti istituzionali, stabilendo relazioni di collaborazione e Convenzioni con Governi, Enti, Istituzioni, Enti di ricerca scientifica, Fondazioni ed Organizzazioni - europee, internazionali e nazionali - pubbliche e private, per singole iniziative o per settori concordati.

L'associazione organizza Convegni, Conferenze, Colloqui, su problemi nazionali, europei ed internazionali, particolarmente diretti alla promozione e difesa della persona umana e delle libertà.

L'associazione svolge attività aventi finalità di solidarietà sociale nei confronti di soggetti svantaggiati; incoraggia e sostiene, sul piano sociale, le iniziative rivolte a consentire, a livello internazionale ed interno, le migliori condizioni di vita dei popoli, conformemente agli ideali della civiltà italiana ed europea.

L'associazione favorisce ed incoraggia la costituzione di Istituti o Centri culturali, in Italia o all'estero, che si richiamino ai principi e finalità della Associazione, stabilendo con essi forme anche organiche di promozione e divulgazione della cultura e della promozione politica e sociale.

L'associazione acquisisce ed assegna:

a) Premi, borse di studio, sussidi per ricerche a cittadini italiani e non, nonché a cittadini italiani residenti all'estero e loro discendenti, interessati a studi, ricerche scientifiche e perfezionamento in Italia su temi rientranti nelle finalità della Associazione;

b) Premi, borse di studio e sussidi a cittadini italiani che intendano recarsi in altri Paesi a scopo di studio o perfezionamento o ricerche, di cui si ravvisi l'utilità per la Associazione e l'opportunità nell'ambito delle relazioni culturali dell'Italia.

L'associazione esercita attività pubblicistiche ed editoriali e attività di raccolta fondi comunque collegate alle proprie finalità istituzionali.

Articolo 4

SCOPI ED ATTIVITÀ STRUMENTALI ACCESSORIE E CONNESSE

Al centro dell'attività dell'Associazione si pongono, a titolo esemplificativo ma non esclusivo:

Attività di formazione e consulenza in presenza e a distanza.

Corsi presso Università, Scuole, Enti pubblici e privati, Imprese e Aziende; corsi di aggiornamento in presenza e a distanza; tutoraggio didattico e tecnologico in presenza e a distanza; corsi di management, corsi postdiploma, corsi di formazione, riqualificazione e aggiornamento professionale, corsi integrativi e di arricchimento dell'offerta formativa e dei piani curricolari delle istituzioni universitarie, scolastiche e formative, master, corsi di perfezionamento, organizzazione e costituzione di gruppi di studio e di ricerca, di iniziative finalizzate alla diffusione della cultura, della scienza e delle competenze professionali relativamente alle tematiche di interesse statutario.

Attività culturali

Organizzare e promuovere tavole rotonde, convegni, giornate di studio, gruppi di lavoro, concorsi, premiazioni, seminari, festival, congressi, dibattiti, eventi, concerti, mostre, rassegne di film e documentari, spettacoli in genere. Inoltre, istituzione di bibliomediateche e centri di documentazione, gestione e organizzazione di spazi culturali in proprio o per conto di Enti pubblici o privati e altre Associazioni. Inoltre potrà svolgere corsi, manifestazioni, convegni, dibattiti, mostre, seminari e ricerche di ogni tipo, per il raggiungimento e la diffusione dei propri scopi e delle proprie ricerche e/o studi; organizzare eventi multimediali, stipulare convenzioni con Enti pubblici e privati per la gestione di corsi e seminari e/o per la fornitura di servizi, nell’ambito dei propri scopi. Favorire la nascita di enti o gruppi che, anche per singoli settori, si propongono scopi analoghi ai propri, favorendo la loro attività, collaborando con essi tramite gli opportuni collegamenti ed anche favorendo la loro adesione all'Associazione. Ideare, promuovere, realizzare ed editare pubblicazioni e simili, audiovisivi e simili, prodotti televisivi, prodotti digitali, multimediali, cinematografici, eventi teatrali, eventi multimediali, mostre, esposizioni, e quant'altro similare; mettere a disposizione di tutti coloro che vorranno partecipare all'attività dell'Associazione i prodotti culturali e didattici frutto dell'attività stessa.

Attività editoriali informative e comunicative

Redazione e pubblicazione di riviste, bollettini, giornali, libri, opuscoli, atti di convegni, di seminari, studi e ricerche, materiale didattico. Progettazione, realizzazione e gestione di siti Web e di media digitali. Progettazione, gestione e/o consulenza per la progettazione di prodotti e di audiovisivi in generale per emittenti televisive, radiofoniche, web-tv, ip-tv. Progettazione e realizzazione di filmati, video, cd-rom, dvd e ogni altro prodotto su supporto analogico, digitale, filmico o altro. Attività di supporto editoriale, informativo e giornalistico a favore di enti ed istituzioni, sia del settore pubblico, sia del settore privato. Consulenza ad archivi audiovisivi, medeiateche e altro assimilabile per il trattamento, la gestione del materiale documentario e la realizzazione di prodotti editoriali di vario genere.

L'Associazione intende proporsi, inoltre, come specifico punto di riferimento e/o come struttura di servizio per aziende, imprese, università e in genere per enti pubblici e privati.

Articolo 5

L'Associazione potrà compiere tutti gli atti e concludere tutte le operazioni necessarie e utili alla realizzazione degli scopi sociali, collaborando anche con altre Associazioni od Enti, nazionali o esteri, che svolgano attività analoghe o accessorie all'attività sociale.

Articolo 6

SOCI

Possono essere soci dell'Associazione tutti i cittadini italiani e stranieri, che ne condividano gli scopi. Possono inoltre farne parte Enti pubblici e privati, aziende, associazioni, circoli, comitati aventi attività e scopi affini ed assimilati a quelli dell'associazione e che, all'atto dell'ammissione, accettino le condizioni contenute nel presente Statuto e ogni altra decisione assunta dagli Organi sociali. Gli Enti Pubblici e privati, che in qualità di soci entrino a far parte dell'Associazione, possono essere rappresentati dal presidente, dal dirigente, dal sindaco o altra persona specificamente delegata. L'ammissione alla qualifica di socio avviene su domanda degli interessati e, salvo per i soci sostenitori, previa presentazione di almeno due soci. L'accettazione delle domande per l'ammissione dei nuovi soci è deliberata a maggioranza dal Consiglio Direttivo. Le iscrizioni decorrono dal primo Gennaio dell'anno in cui la domanda è accolta. I soci sono classificati in tre distinte categorie:

Soci Fondatori: coloro che hanno partecipato alla costituzione dell'Associazione e il cui nome è riportato tra i soci fondatori nell’atto costitutivo.

Soci Ordinari: quanti aderiscono all’Associazione successivamente alla sua fondazione

Soci Sostenitori: soggetti e/o Enti e/o Istituzioni, che contribuiscono al raggiungimento delle finalità dell’Associazione con significativi apporti morali e/o materiali.

Il Consiglio Direttivo stabilisce annualmente le quote di adesione per l'anno sociale seguente, differenziate tra soci ordinari ed altre categorie di soci che il Consiglio Direttivo stesso può individuare per particolari scopi promozionali.

Articolo 7

DIRITTI E DOVERI DEI SOCI

L'appartenenza all'Associazione ha carattere libero e volontario, ma impegna gli aderenti al rispetto delle risoluzioni assunte dai suoi organi rappresentativi, secondo le competenze statutarie. Tutti i soci, di ogni categoria, possiedono gli stessi diritti. Possono partecipare a tutte le iniziative promosse dall'associazione e intervenire alle assemblee ordinarie e straordinarie. Hanno diritto di voto, che possono esercitare direttamente o per delega scritta, per l'approvazione e le modifiche dello statuto, dei regolamenti e delle delibere assembleari e per la nomina degli organi direttivi dell'associazione. Ogni socio ha diritto ad un solo voto, indipendentemente dalla quota associativa versata. I soci hanno diritto alle informazioni e al controllo stabilite dalle leggi e dallo statuto. I soci hanno l'obbligo di rispettare le norme del presente statuto e dei regolamenti sociali e di pagare annualmente la quota sociale di adesione. Le prestazioni fornite dai soci sono normalmente a titolo gratuito, salvo che non risulti loro affidato un incarico professionale o altro incarico retribuito per delibera del Consiglio Direttivo.

Articolo 8

Si esclude la temporaneità della partecipazione alla vita associativa. Le quote o i contributi associativi sono intrasmissibili, a eccezione dei trasferimenti a causa di morte, e non sono rivalutabili. La qualità di associato cessa esclusivamente per:

a) recesso o morte del socio;

b) mancato pagamento della quota sociale annua entro il 31 marzo, nel qual caso la volontà di recedere si considera tacitamente manifestata;

c) esclusione per gravi motivi da disporre a cura del Consiglio Direttivo.

Il recesso, comunque manifestato, ha effetto immediato. I soci receduti o esclusi non hanno diritto al rimborso del contributo sociale annuo versato. I soci esclusi possono opporsi al provvedimento del Consiglio Direttivo di fronte alla successiva Assemblea dei Soci.

Articolo 9

ASSEMBLEA

L'Assemblea dei Soci è composta da tutti gli iscritti ed è l'organo sovrano dell'associazione. L'Assemblea Ordinaria delibera, sia in prima, sia in seconda convocazione, con la maggioranza minima della metà dei voti espressi più uno. In caso di parità dei voti, l'Assemblea deve essere subito chiamata a votare una seconda volta. Nel caso si verificasse ancora la parità, l'Assemblea deve essere immediatamente riconvocata. Le deliberazioni prese in conformità allo Statuto obbligano tutti i soci, anche se assenti, dissidenti o astenuti dal voto. L'assemblea ordinaria è convocata almeno una volta all'anno, entro il mese di aprile, per verificare le attività svolte, approvare il bilancio consuntivo ed il bilancio preventivo, eleggere alla scadenza i membri degli Organi dell’Associazione e definire le linee programmatiche all'associazione. L'assemblea è convocata in via ordinaria dal Presidente; può essere inoltre richiesta – in forma scritta e con indicazione dell’Ordine del Giorno - dalla maggioranza del Consiglio Direttivo. L'assemblea deve essere convocata con preavviso di almeno 15 giorni, mediante lettera circolare, da inviare per posta ordinaria o via telematica, ai singoli associati. L'assemblea è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno la metà più uno degli associati, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti. L'assemblea, prima di iniziare, deve nominare un proprio presidente, diverso da quello dell'associazione. Esso ha il compito di: leggere l'ordine del giorno in apertura di Assemblea; accogliere interrogazioni, interpellanze, mozioni ed emendamenti; mantenere l'ordine nel corso delle sedute e curare che ogni singolo socio possa esprimere le proprie opinioni indisturbato; curare che venga rispettato l'ordine del giorno; controllare i risultati delle votazioni conteggiate dal Segretario; dare lettura dei risultati delle mozioni approvate e del testo definitivo di tutte le deliberazioni adottate dall'Assemblea. L'Assemblea vota normalmente per alzata di mano con delibera maggioritaria dei partecipanti. Nell'espletamento delle funzioni elettive, ciascun socio potrà esprimere un numero di preferenze pari ad un terzo dei componenti l'Organismo da eleggere, con arrotondamento alla cifra superiore. Ogni socio ha diritto a un solo voto e sono ammesse al massimo tre sole deleghe per socio. Segretario dell'Assemblea di norma è il Segretario dell'Associazione, in caso di sua vacanza, l'Assemblea, su indicazione del Presidente della stessa, procede a conferire l'incarico ad un socio. Le riunioni dell'Assemblea vengono riassunte in un verbale redatto dal Segretario verbalizzatore, sottoscritto dal Presidente e raccolte in un libro verbali dell'Assemblea. A tale verbale si allegano le deliberazioni, i bilanci ed i rendiconti approvati dall'assemblea. Esso resta sempre depositato presso la sede ed ogni socio può consultarlo.

Articolo 10

CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è costituito da tre membri nominati tra i soci fondatori ed eletti dall'assemblea generale, sulla base di un'unica lista, restano in carica tre anni e possono essere rieletti; in caso di recesso anticipato, saranno sostituiti dai soci fondatori che abbiano conseguito un numero di voti immediatamente inferiore a quello dei soci fondatori eletti.

Il Consiglio Direttivo, nei limiti di quanto stabilito dall'Assemblea, è investito dei più ampi poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, può decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento degli scopi sociali, per l'attuazione delle delibere programmatiche assembleari e per la direzione e amministrazione dell'associazione. In particolare:

a) nella sua prima riunione designa nel suo ambito il Presidente, il Vice-presidente, il Segretario-Tesoriere ed affida, anche di propria iniziativa, ulteriori incarichi ritenuti necessari;

b) indica i ruoli specifici di responsabilità dei membri del Consiglio Direttivo;

c) delibera la convocazione dell'Assemblea Ordinaria e Straordinaria e ne definisce l'Ordine del giorno;

d) organizza le Commissioni di lavoro dell'Associazione;

e) predispone, in accordo con il Presidente, i bilanci preventivi e consuntivi da sottoporre all'Assemblea;

f) definisce l'entità delle quote associative annuali;

g) delibera su ogni atto di carattere patrimoniale e finanziario che ecceda l'ordinaria amministrazione;

h) dà parere su ogni altro argomento sottoposto a suo esame dal Presidente;

i) procede, all'inizio di ogni anno sociale, alla revisione degli elenchi dei Soci, per accertare la permanenza dei requisiti di ammissione di ciascun Socio, prendendo gli opportuni provvedimenti in caso contrario;

j) delibera l'accettazione delle domande per l'ammissione di nuovi Soci e l'esclusione dalla qualifica di socio;

k) delibera sull'adesione e partecipazione dell'Associazione a progetti di Enti ed Istituzioni Pubbliche e Private in conformità con le finalità contenute nel presente statuto, designandone i rappresentanti tra i soci.

Il Consiglio Direttivo si riunisce, sempre in unica convocazione, almeno una volta al trimestre e comunque ogniqualvolta il Presidente lo ritenga necessario, o quando lo richiedano due componenti del Consiglio stesso. La convocazione del Consiglio avviene in forma scritta, trasmessa anche per via telematica, con un preavviso di almeno cinque giorni. Alle riunioni partecipa il Segretario. In assenza del medesimo, le funzioni di verbalizzatore saranno svolte da un membro del Consiglio designato dal Presidente. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide con la presenza di almeno tre dei suoi componenti e sono presiedute dal Presidente o, in sua assenza, dal Vice-presidente o da un Consigliere designato dai presenti. Le sedute e le deliberazioni del Consiglio devono essere verbalizzate e sottoscritte dal Presidente e dal Segretario verbalizzatore. Le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono affisse all’albo sociale o per via telematica.

Articolo 11

PRESIDENTE

Il Presidente ha la legale rappresentanza dell'associazione, presiede il Consiglio direttivo e l'assemblea; convoca l'assemblea dei soci e il Consiglio direttivo sia in caso di convocazioni ordinarie che straordinarie e dura in carica tre anni.

Il Presidente assume nell'interesse dell'Associazione tutti i provvedimenti, ancorché, ricadenti nella competenza del Consiglio Direttivo nel caso ricorrono motivi d'urgenza e si obbliga a riferire allo stesso in occasione della prima adunanza utile.

Il Presidente ha i poteri della normale gestione ordinaria dell'Associazione e gli potranno essere delegati altresì eventuali poteri che il comitato direttivo ritenga di delegargli, anche di straordinaria amministrazione.

In particolare compete al Presidente:

- predisporre le linee generali del programma delle attività annuali ed a medio termine dell'Associazione;

- redigere la relazione consuntiva annuale sull'attività dell'Associazione;

- Vigilare sulle strutture e sui servizi dell'associazione;

- Determinare i criteri organizzativi che garantiscano efficienza, efficacia, funzionalità e puntuale individuazione delle opportunità ed esigenze per l'Associazione e gli associati;

- Emanare i regolamenti interni degli organi e strutture dell'Associazione.

Il Presidente individua, istituisce e presiede comitati operativi, tecnici e scientifici determinandone la durata, le modalità di funzionamento, gli obiettivi ed i compensi.

Per i casi d'indisponibilità ovvero di assenza o di qualsiasi altro impedimento del Presidente lo stesso è sostituito dal vice Presidente.

Articolo 12

SEGRETARIO-TESORIERE

Il Segretario-tesoriere: conserva gli atti dell'Associazione, redige i verbali dell'assemblea dei soci, delle riunioni del Consiglio Direttivo e gli altri libri associativi; cura l'esposizione nella sede sociale della convocazione delle assemblee dei soci, delle riunioni del Consiglio Direttivo con relativo ordine del giorno, e dei regolamenti sociali; svolge tutte le altre mansioni di segreteria che gli sono affidate dal Consiglio Direttivo. Tiene la contabilità, i libri contabili e la cassa, redige i bilanci consuntivi, cura pagamenti e incassi, secondo le indicazioni impartite dal Presidente.

Articolo 13

REVISORE CONTI

I Revisori dei Conti sono in numero di due, vengono eletti dall'Assemblea, durano in carica tre anni e sono rieleggibili. I revisori dei conti verificano periodicamente, e comunque almeno entro il 31 marzo di ciascun anno, la correttezza delle scritture contabili e la coerenza della cassa, predisponendo una relazione che costituisce parte integrante del bilancio consuntivo da sottoporre all'approvazione dell'Assemblea.

Articolo 14

RISORSE ECONOMICHE

L'associazione trae le risorse economiche per il suo funzionamento e lo svolgimento della propria attività da:

- quote associative e contributi degli aderenti;

- sovvenzioni e contributi di privati, singoli o istituzioni, nazionali o estere;

- sovvenzioni e contributi dell'Unione Europea, dello Stato, di istituzioni o di enti pubblici, nazionali o estere;

- rimborsi derivanti da convenzioni;

- entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali od occasionali;

- entrate derivate dallo svolgimento dell'oggetto sociale;

- donazioni, lasciti e rendite di beni mobili o immobili pervenuti all'associazione a qualunque titolo.

Articolo 15

BILANCIO

L'esercizio finanziario si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Il Consiglio Direttivo entro novanta giorni dalla chiusura dell'esercizio dovrà redigere il bilancio consuntivo e quello preventivo da sottoporre all'approvazione dell'assemblea ordinaria annuale. Il bilancio consuntivo deve restare depositato in copia presso la sede dell'associazione durante i quindici giorni che precedono l'assemblea e finché sia approvato. I soci possono prenderne visione. Il bilancio è composto da un rendiconto economico e da un rendiconto finanziario; il rendiconto economico evidenzia analiticamente le uscite e le entrate secondo criteri di cassa, il rendiconto finanziario evidenzia la situazione patrimoniale dell'associazione elencando distintamente la liquidità, i debiti, i crediti, il valore stimato del magazzino e degli altri beni mobili ed immobili di proprietà dell'associazione. Parte integrante del bilancio è la relazione dei revisori dei conti. Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi o i lasciti ricevuti. È vietato distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. Eventuali avanzi di gestione saranno interamente destinati al perseguimento degli scopi sociali.

Articolo 16

LE SEDI UNITARIE DELLA RAPPRESENTANZA ASSOCIATIVA

L'Associazione potrà organizzare i propri soci e le proprie attività ai seguenti livelli:

- territoriale;

- regionale/interregionale;

- nazionale.

Articolo 17

LE FUNZIONI DEI LIVELLI ASSOCIATIVI

Le funzioni ed i compiti dei diversi livelli sono così articolati:
Livello territoriale: E' la sede responsabile delle scelte per la promozione e lo sviluppo delle attività e delle politiche dell’Associazione, attraverso il più ampio coinvolgimento dei soci e delle realtà organizzative di base. Concorre alla definizione e alla verifica delle scelte nazionali. Rappresenta l'Associazione nei confronti delle sedi istituzionali e della società civile sul territorio.

Livello regionale/interregionale: E' la sede responsabile del confronto e della concertazione delle esigenze dei livelli territoriali.

Ha il compito di favorire l'applicazione delle scelte strategiche dell'Associazione sul territorio garantendo la coerenza tra principi, finalità e metodi.

Concorre alla definizione e alla verifica delle scelte nazionali. Può intervenire in termini di sussidiarietà e/o di motivata surroga dei poteri qualora le istanze territoriali non siano nelle condizioni di assolvere i compiti loro attribuiti.

Rappresenta l'Associazione nei confronti delle sedi istituzionali e della società civile sul territorio regionale.

Livello nazionale: E' la sede responsabile della definizione dell'identità politica e culturale dell'Associazione e ne garantisce l'unità.

E' la sede della sintesi e della elaborazione delle strategie di sviluppo dell'Associazione. Nella sua azione di governo complessivo interviene anche con poteri di surroga nei compiti non assolti dai livelli decentrati. Rappresenta l'Associazione nei confronti delle sedi istituzionali e della società civile.

Articolo 18
REGOLAMENTI NAZIONALE, REGIONALE/INTERREGIONALE, TERRITORIALI

I diversi livelli dell’Associazione saranno dotati di un apposito regolamento necessario a disciplinare e dare piena attuazione alle previsioni statutarie.

Articolo 19

Eventuali modifiche del presente statuto dovranno essere deliberate dall'assemblea con una maggioranza di due terzi dei presenti.

Articolo 20

Lo scioglimento dell'associazione è deliberato dall'assemblea generale con il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati. In caso di scioglimento dell'associazione, per qualunque causa, il suo patrimonio verrà obbligatoriamente devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità.

Articolo 21

Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto, trovano applicazione le norme stabilite dal Codice Civile e dalla normativa vigente.